Vagina’s Secrets Parte 6


imagesL77OL7H7

6

Buonasera

mi chiamo Valentina

e

di cui al capoverso dell’isola pedonale che non c’è

sono una donna

però

non sempre

talvolta

mi cresce il pene

strumento maschile atto a svolgere in funzioni erettili

penetrazioni altrui

recondite

e meno recondite

e

badate bene

non è una questua psicologica

cresce davvero

poi

come cresciuto

sparisce

scompare

come l’alba sta al tramonto

lui

da il cambio

il posto

insomma

mi ritorna l’apparato digerente

sessualmente parlandone bene

femminile

si

proprio quello

se volete chiamarla vagina

vulva

passera

lei

proprio lei

nel bene

e nel male

così detti complementari

io cambio

muto

vario

ma quante volte l’avrò ripetuto a questo internet pinot

luogo dove scrivo le mie parabole

iperbole

assonanze al vero dominante

conflitto

ma è così

non trattasi di malattia

ne di forma genetica aliena

ne per altro sono squilibrata

semmai un po zoccola

ma niente di più che una zoccola qualunque

sempre se la definizione a voi consona

ribadisce il concetto che gli date

si denomina zoccola

una che va con tanti uomini

pertanto non lo sono

come donna

ma come uomo

si sono zoccolo

se

definendo il concetto di cui il capoverso sopra

come uomo vado con tanti uomini

e come donna vado con tante donne

sia mai

e qui

lo redarguisco

che accada

ma neanche per una volta

o forse si ma casi strambi e rari

fossi donna

mentre ero con un uomo

e mai

a calcio di rigore di logica

metafisica

e quantistica

fossi uomo

e andassi con qualche donna

le parti opponenti si contrastano

come un vulcano che tenta di esplodere alla foce

quando invece

nasce a delta

neanche gamma

figuratevi

comunque sono qua

finalmente

donna

vestita tutta a puntino e mezza virgola

gambe accavallate

aria fresca interna

col considerevole non dubbio che non le porto

del concetto di cui sempre tanto lontanamente sopra espresso,

le mutande

e qui una virgola punto e accapo ci stava

sono qui per raccontarvi uno strano fatto a me accaduto

come donna

qualche giorno fa

e se vi parrà strano

non dubitate della stranezza

ma ponetevela al fianco come una spina disadorna

e fatevene una ragione di vita

era mattina

e come ogni mattina

prendevo un cappuccino

al bar di cui solito

senza convenevoli andavo

vuoi per stupida convinzione

vuoi per meno stupida convinzione

che la convinzione stupida non lo fosse poi cosi tanto

già la cosa mi puzzava

e non era di cui sotto la gonna niente

c’era qualcosa nell’aria che non andava

anche in me

peraltro

sentivo

un dolorino

ma impercettibile come uomo

forte come donna

al basso inguine

al ventre

insomma

li

pare alla vagina

un dolore tra il lancinante ed il lancinante quasi

come colei che prostra dal dolore

si immerge nel sacrificio collettivo di non ascoltarlo più

eppure io lo udivo

quel fastidio

irriverente e reverenziale

di cui al capoverso precedente al basso utero

al che

mi alzai

e decisi

ma solo per mia convenevole parvenza

di andare verso una casa

di cura

ospedale

o chicchessia

per un esame più approfondito

del caso

come quello speleologo che

esaminando un fosso equo esadecimale

s’infervorasse

al riscontro dell’incastro

in pratica

andai in ospedale

ora

voi sapete

quando mi capita

di fare qualcosa

di volere qualcosa

di ottenere qualcosa

il buon

signore dell’alto dei piani

mi concede sempre

esemplarmente un grande vantaggio

trovo soldi per terra

atti a soddisfare quel bisogno iniziale e primario

di cui al capoverso d’immagine

di prima

richiedevo

poi

appena giunta alla reception

di quella struttura diafana ed ingombrante

chiedo

ad una addetta alla cassa

o

a chissà cos’altro

se potessi avere d’urgenza rimessa

una visita

una sbirciatina

un controllo

che rimarcasse

subodoratamene

che quel mio male

era solo un passeggero di un treno

di seconda classe

verso il crocevia del niente

al che la signorina

quasi turbata da una delle mie frasi

tanto facciamo subito

non porto neanche le mutande

disse che

un ginecologo a quell’ora di punta

non ci sarebbe stato

ed erano le dodici

rimasi in dolce attesa

un po amara ogni tanto

quando vidi

passare un uomo

alto

snello

compassato

non mi alzai sovente per delineare il mio stato

ero donna

ed il mio gradimento ad ora era donna

attesi

finché l’inserviente

la ragazza

insomma

l’addetta alle vendite

degli appuntamenti subitanei

mi chiamò a se

dicendomi che per puro caso fortuito

e sequenziale

si era liberata una certa dottoressa

molto in gamba

e

tra dieci minuti

potevo parlare con lei che aveva un buco libero

sui buchi liberi

rimasi a pensare

poi nell’attesa

un po stranita

uno strano

angusto pensiero mi balenò

nel ventre

e se fossi pregna?

Richiusi quel pensiero in una vasca da bagno d’amianto

solo per un attimo

pensando alle conseguenze di quel idioma

incinta io?

Impossibile

ho rapporti quasi tutti i giorni

anzi si

ma non solo come donna

se donna

anche come uomo

se uomo

pertanto ci sarebbe stata una casualità rilevante del cinquanta per cento

poi

come fosse ceralacca

di scarpe obsolete

riposte nel ripostiglio dei miei snaturati desideri

mi dissi

o mio Dio

non posso esserlo

è un problema

perché quando muto che accade?

Quando il mio corpo cambia

impercettibilmente

da donna ad uomo

anche la maternità cambia?

Ma

su questo famelico dubbio devo lasciarvi

perché l’internet pinot sta chiudendo

confido di scrivervi tutto quanto prima

risvolti capovolti e conseguenze

del caso di cui

io personalmente

come donna

se donna

e come uomo

quando uomo

mi è capitato

il mio nome è Valentina

Verusca

Veranda

ma

di solito

è d’uopo chiamarmi V

del resto non è una questione interrazziale

no?

V

Annunci

Informazioni su Darky


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: